référencement google site web site internet référencement payant campagne de référencement comprendre le référencement google référencement google prix référencement web SEO Optimiser le référencement Améliorer sa visibilité Optimiser les balises meta Optimiser le contenu annaires gratuit annuaire e référencement naturel, le SEO (Search Engine Optimization en anglais) ou l'optimisation du référencement naturel a pour but d'améliorer votre classement dans les résultats de recherche Google mais aussi Yahoo, Bing afin d'augmenter le trafic de visiteurs sur votre site web.Afghanistan Albania Algeria Andorra Angola Argentina Armenia Australia Austria Azerbaijan Bahamas Bahrain Bangladesh Barbados Belarus Belgium Belize Benin Bhutan Bolivia Bosnia and Herzegovina Botswana Brazil Brunei Bulgaria Burkina Faso Burundi Cambodia Cameroon  Canada Cape Verde Central African Rep Chad Chile China Colombia Comoros  Congo Brazzaville Costa Rica Cote d'Ivoire Croatia Cuba Cyprus Czech Republic Dem. Rep. of Congo Denmark Djibouti Dominica Dominican Republic East Timor Ecuador Egypt El Salvador Equatorial Guinea Eritrea Estonia Ethiopia Fiji Finland France Gabon Gambia Georgia Germany Ghana Greece Grenada Guam Guatemala Guinea Guinea-Bissau Guyana Haiti Honduras Hong Kong Hungary Iceland India Indonesia Iran Iraq Ireland Israel Italy Jamaica Japan Jordan Kazakhstan Kenya Kuwait Kiribati Korea-North Korea-South Kyrgyzstan Laos Latvia Lebanon Lesotho Liberia Libya Liechtenstein Lithuania Luxembourg Macedonia Madagascar Malawi Malaysia Maldives Mali Malta Marshall Islands Mauritania Mauritius Mexico Micronesia Moldova Monaco Mongolia Montenegro Morocco Mozambique Myanmar Namibia Nauru Nepal Netherlands New Zealand Nicaragua Niger Nigeria Norway Oman Pakistan Palau Palestine Panama Papua New Guinea Paraguay Peru Philippines Poland Portugal Puerto Rico Qatar Rep. of the Congo Russia Romania Rwanda Saint Kitts and Nevis  Saint Lucia Saint Vincent and the Grenadines Samoa San Marino Sao Tome and Principe Saudi Arabia Senegal Serbia Seychelles Sierra Leone Singapore Slovakia Slovenia Solomon Islands Somalia South Africa Spain Sri Lanka Sudan Suriname Swaziland Sweden Switzerland Syria Taiwan Tajikistan Tanzania Thailand Togo Tonga Trinidad and Tobago Tunisia Turkey Turkmenistan Tuvalu  Uganda Ukraine United Arab Emirates United Kingdom United States Uruguay Uzbekistan Vanuatu Vatican City Venezuela Yemen Vietnam  Zambia Zimbabwe Référencement site internet Annuaire - Annuaire Afghanistan


Home
Guestbook
Annuaire Açores
Annuaire Afghanistan
Annuaire Afrique du Sud
Annuaire Albanie
Annuaire Algérie
Annuaire Angleterre
Annuaire Angola
Annuaire Anguilla
Annuaire Antigua-et-Barbuda
Annuaire Antilles Néerlandaises et Aruba
Annuaire Arabie Saoudite
Annuaire Argentine
Annuaire Arménie
Annuaire Ascension
Annuaire Australie
Annuaire Autriche
Annuaire Azerbaïdjan
Annuaire Bahamas
Annuaire Bahreïn
Annuaire Bangladesh
Annuaire Barbade
Annuaire Bélarus
Annuaire Belgique
Annuaire Belize
Annuaire Bénin
Annuaire Bermudes
Annuaire Bhoutan
Annuaire Bolivie
Annuaire Bosnie-Herzégovine
Annuaire Botswana
Annuaire Brésil
Annuaire Brunei
Annuaire Bulgarie
Annuaire Burkina Faso
Annuaire Burundi
Annuaire Caïmans (Iles)
Annuaire Caïques et Turks (Iles)
Annuaire Cambodge
Annuaire Cameroun
Annuaire Canada
Annuaire Cap-Vert (Ile du)
Annuaire Centrafricaine (République)
Annuaire Chili
Annuaire Chine
Annuaire Chypre (zone Nord)
Annuaire Chypre (zone Sud)
Annuaire Colombie
Annuaire Comores
Annuaire Congo
Annuaire Cook (îles)
Annuaire Corée du Nord
Annuaire Corée du Sud
annuaire Costa Rica
Annuaire Côte-d'Ivoire
Annuaire Croatie
Annuaire Cuba
Annuaire Danemark (y compris Iles Féroé et Groenland)
Annuaire Djibouti
Annuaire Dominicaine (République)
Annuaire Dominique
Annuaire Egypte
Annuaire El Salvador
Annuaire Emirats Arabes Unis
Annuaire Equateur
Annuaire Erythrée
Annuaire Espagne
Annuaire Estonie
Annuaire Etats-Unis(y compris Alaska et Hawaï)
Annuaire Ethiopie
Annuaire Falkland (Iles)
Annuaire Fidji (Iles)
Annuaire Finlande
Annuaire France
Annuaire Gabon
Annuaire Gambie
Annuaire Géorgie
Annuaire Géorgie du Sud (et les Iles Sandwich du Sud)
Annuaire Ghana
Annuaire Gibraltar
Annuaire Grande-Bretagne et Irlande du Nord
Annuaire Grèce
Annuaire Grenade
Annuaire Guam
Annuaire Guatemala
Annuaire Guinée
Annuaire Guinée Equatoriale
Annuaire Guinée-Bissau
Annuaire Guyana
Annuaire Haïti
Annuaire Honduras
Annuaire Hong Kong
Annuaire Hongrie
Annuaire Inde
Annuaire Indonésie
Annuaire Iran (République Islamique)
Annuaire Iraq
Annuaire Irlande (Eire)
Annuaire Islande
Annuaire Israël
Annuaire Italie
Annuaire Jamaïque
Annuaire Japon
Annuaire Jordanie
Annuaire Kazakhstan
Annuaire Kenya
Annuaire Kirghizistan
Annuaire Kiribati
Annuaire Kuwait
Annuaire Lesotho
Annuaire Lettonie
Annuaire Liban
Annuaire Libéria
Annuaire Libye (Jamahiriya Libyenne)
Annuaire Liechtenstein (Principauté du) ( Suisse )
Annuaire Lituanie
Annuaire Luxembourg
Annuaire Macao
Annuaire Macédoine
Annuaire Madagascar
Annuaire Madère
Annuaire Malaisie
Annuaire Malawi
Annuaire Maldives
Annuaire Mali
Annuaire Malte
Annuaire Maroc
Annuaire Maurice (île)
Annuaire Mauritanie
Annuaire Mexique
Annuaire Moldova
Annuaire Mongolie
Annuaire Montserrat
Annuaire Mozambique
Annuaire Myanmar
Annuaire Namibie
Annuaire Nauru
Annuaire Népal
Annuaire Nicaragua
Annuaire Niger
Annuaire Nigéria
Annuaire Norvège
Annuaire Nouvelle-Zélande
Annuaire Oman
Annuaire Ouganda
Annuaire Ouzbékistan
Annuaire Pakistan
Annuaire Panama
Annuaire Papouasie et Nouvelle-Guinée
Annuaire Paraguay
Annuaire Pays-Bas
Annuaire Pérou
Annuaire Philippines
Annuaire Pitcairn
Annuaire Pologne
Annuaire Porto-Rico
Annuaire Portugal
Annuaire Qatar
Annuaire Roumanie
Annuaire Russie
Annuaire Rwanda
Annuaire Saint-Christophe-et-Nevis
Annuaire Saint-Marin
Annuaire Saint-Vincent-et-Grenadines
Annuaire Sainte-Hélène
Annuaire Sainte-Lucie
Annuaire Salomon
Annuaire Samoa
Annuaire Sao Tomé-et-Principe
Annuaire Sénégal
Annuaire Serbie-et-Monténégro
Annuaire Seychelles
Annuaire Sierra Leone
Annuaire Singapour
Annuaire Slovaquie
Annuaire Slovénie
Annuaire Somalie
Annuaire Soudan
Annuaire Sri Lanka
Annuaire Suède
Annuaire Suisse
Referencement gratuit
Annuaire Suriname
Annuaire Swaziland
Annuaire Tadjikistan
Annuaire Taïwan
Annuaire Tanzanie
Annuaire Tchad
Annuaire Tchèque (République)
Annuaire Thaïlande
Annuaire Timor Oriental
Annuaire Togo
Annuaire Tonga
Annuaire Trinité-et-Tobago
Annuaire Tristan da Cunha
Annuaire Tunisie
Annuaire Turkménistan
Annuaire Turquie
Annuaire Tuvalu
Annuaire Ukraine
Annuaire Uruguay
Annuaire Vanuatu
Annuaire Vatican
Annuaire Vénézuela
Annuaire Vierges (Iles)
Annuaire Viet Nam
Annuaire Yémen
Annuaire Zambie
Annuaire Zimbabwe
LOGIN
Forum
Newsletter
Seite eintragen
Annuaire-Congo--k1-R-e2-publique-d-e2-mocratique-k2
News
SEO
Protezione dati
Elenco links
REFERENCEMENT

VENTE06.COM

Recherchez Annonces Vente Immobilier. Obtenez des résultats spécifiques pour vos recherches! Trouvez Annonces Vente Immobilier. Obtenez un haut niveau d'information! Résultats incroyables. Toutes dernières infos. Recherchez ici. Résultats pertinents. Infos mises à jour. Services: Recherches, Nouvelles, Pages Web.
Nice Immobilier Vente,Nice Immobilier Vente Appartement,Immobilier Vente Immobilière Nice,Immobilier Vieux Nice Vente,Nice Immobilier Vente Maison,Vente Immobilier Nice Ouest,Nice Matin Immobilier Vente,Immobilier Vente Studio Nice,Vente Enchere Immobilier Nice,Vente Immobilier A Nice,Vente Immobilier Particulier Nice,Vente Aux Encheres ,Immobilier Nice
Nice Immobilier Vente Nice Immobilier Vente Appartement Immobilier Vente Immobilière Nice Immobilier Vieux Nice Vente Nice Immobilier Vente Maison Vente Immobilier Nice Ouest Nice Matin Immobilier Vente Immobilier Vente Studio Nice Vente Enchere Immobilier Nice Vente Immobilier A Nice Vente Immobilier Particulier Nice Vente Aux Encheres Immobilier Nice https://www.vente06.com/store-cat-21 Recherchez Annonces Vente Immobilier. Obtenez des résultats spécifiques pour vos recherches! Trouvez Annonces Vente Immobilier. Obtenez un haut niveau d'information! Résultats incroyables. Toutes dernières infos. Recherchez ici. Résultats pertinents. Infos mises à jour. Services: Recherches, Nouvelles, Pages Web.
Renseignements généraux

Capitale :
Kaboul

  • Superficie : 652,090 Km2
  • Langue : Patchoun, dari + trentaine de langues et dialectes.
  • Monnaie : Afghani (100 puli)
  • PNB en milliards de dollars : NC
  • Secteur d'activité : Agriculture, secteur secondaire peu développé. Importantes réserves de gaz naturel.
  • Afghanistan (nome ufficiale Transitional Islamic State of Afghanistan, TISA), stato dell’Asia centroccidentale, confinante a nord con il Turkmenistan, l’Uzbekistan e il Tagikistan, a nord-est con la Cina, a est e a sud con il Pakistan, a ovest con l’Iran. Ha una superficie di 652.225 km²; la capitale è Kabul.

    Il territorio, in prevalenza montuoso, è dominato dai rilievi dell’Hindukush, che si estendono per circa 965 km dalla catena del Pamir, a nord-est, fino ai confini con l’Iran, a ovest, con vette che superano i 7.000 metri di altezza. I numerosi passi naturali che attraversano i rilievi dell’Afghanistan rappresentano importanti vie di comunicazione tra le regioni interne del paese e gli stati confinanti; nei rilievi dell’Hindukush il passo dello Shibar (2.987 m) collega la regione di Kabul alla parte settentrionale del paese, mentre il Khyber, sul confine nordorientale, attraversa la catena Sulaiman e collega la regione di Kabul alla città di Peshawar, in Pakistan. A nord-ovest, nell’area della Battriana, i rilievi digradano nella pianura attraversata dal fiume Amudarja, mentre a sud e a sud-est lasciano il posto ad aree desertiche (altopiano del Rigestan e depressione del Sistan). Nella sezione nordorientale si trova l’arida regione montuosa del Turkestan afghano.

    I principali corsi d’acqua del paese sono l’Amudarja, che scorre lungo il confine con il Tagikistan, e il Kabul, affluente dell’Indo, a nord, l’Helmand, il più lungo del paese, a sud, e l’Harirud, a ovest. Tutti i fiumi, a eccezione del Kabul, sfociano in laghi o paludi.

    Il clima dell’Afghanistan, di tipo continentale arido, è caratterizzato da marcate escursioni termiche sia diurne sia stagionali, dovute soprattutto alla diffusa presenza di alti rilievi; durante il giorno le temperature possono variare dagli 0 °C nelle prime ore del mattino ai 38 °C di mezzogiorno. Temperature estive intorno ai 49 °C si registrano nelle valli del nord, mentre le medie invernali raggiungono facilmente i -9,4 °C a quota 2.000 m sui monti dell’Hindukush. A Kabul, situata a un’altitudine di 1.795 m, gli inverni sono freddi e le estati temperate. Il clima è subtropicale a Jalalabad (585 m di altitudine, a sud di Kabul), mentre a Kandahar (1.006 m) è mite. L’Afghanistan è un paese arido in cui le piogge, più frequenti tra ottobre e aprile, hanno una media annuale di circa 300 mm. Le tempeste di sabbia sono comuni nei deserti e nelle aride pianure.

    La vegetazione è composta da foreste di cedri, pini e altre conifere che crescono sui rilievi ad altitudini comprese tra i 1.800 e i 3.500 m, mentre sui bassi versanti si trovano arbusti e alberi di nocciolo, pistacchio, ginepro e frassino. A quote meno elevate la vegetazione, costituita soprattutto da piante erbacee e arbusti, è piuttosto rada; numerose sono le varietà di fiori selvatici che sbocciano in primavera, sia sui monti sia nella steppa. Tra i diversi alberi da frutta che crescono nelle valli vi sono albicocchi, peschi, peri, meli, mandorli e noccioli; palme da dattero sono presenti nell’estremo sud del paese, melograni e agrumi nella zona di Kandahar e di Jalalabad.

    Nel paese convivono numerose specie animali diffuse in India, Medio Oriente ed Europa; tra questi vi sono l’orso, la gazzella, lo stambecco, lo sciacallo, la lince, la volpe, il leopardo delle nevi, il cammello, il dromedario e diverse scimmie. Il levriere afghano e la pecora karakul, dalla quale si ricavano lana e pelli pregiate, sono caratteristici della regione.

     

    I drammatici conflitti che hanno sconvolto la vita del paese a partire dal 1979 hanno aggravato i problemi ambientali già esistenti e contribuito a crearne di nuovi. Quanto mai urgente e necessaria rimane l’opera di bonifica di milioni di ordigni inesplosi (in particolare mine antiuomo) presenti sia nelle aree abitate sia nelle campagne.

    Lo sfruttamento indiscriminato dei pascoli e l’erosione del suolo hanno determinato il degrado e il conseguente abbandono di gran parte del suolo coltivabile, mentre la desertificazione ha coinvolto vaste aree di territorio. Il crescente fabbisogno di legna da ardere e di cibo ha provocato un’accelerazione della deforestazione e la conseguente riduzione della fauna. I conflitti in atto da decenni nel paese hanno avuto ovvie ripercussioni anche sulla biodiversità.

    Il paese possiede poche aree protette; tra queste, vi sono due riserve naturali, la Ajar Valley e la Pamir-i-Buzurg, e un parco nazionale, il Band-e Amir. A queste aree vanno aggiunte alcune zone di foresta, potenziali future riserve naturali.

    L’Afghanistan ha ratificato trattati internazionali sull’ambiente in materia di desertificazione, modificazioni dell’ambiente, salvaguardia delle specie in via d’estinzione, scarico dei rifiuti in mare e messa al bando dei test nucleari.
    La realtà demografica del paese è difficilmente definibile a causa dei conflitti succedutisi nel corso degli ultimi decenni, che hanno provocato centinaia di migliaia di vittime e visto moltiplicarsi il numero di dispersi e profughi. La popolazione dell’Afghanistan era, nel 2006, di 31.056.997 abitanti, con una densità media di 48 abitanti per km². Il tasso di mortalità infantile è uno dei più alti al mondo (160 per mille nati vivi nel 2006). Secondo alcune stime, sono oltre 5 milioni i profughi afghani che, a partire dal 1979, si sono rifugiati in Pakistan e in Iran. Il 77% della popolazione vive e lavora nelle aree rurali; un fenomeno assai diffuso è il nomadismo.

    Quattro sono i principali gruppi etnici: i pashtun (o pathani, vedi afghani) che rappresentano oltre il 50% della popolazione e risiedono prevalentemente nel sud-est del paese; i tagiki (20% circa) e gli uzbeki (9% circa), presenti nelle regioni nel nord; gli azeri (o hazara (9% circa), che vivono nelle regioni centrali. Altri gruppi minoritari sono i kirghizi, i turcomanni (o turkmeni) e i beluci (o baluci).

    Le lingue ufficiali sono il pashto e il dari (una varietà del persiano moderno); quest’ultimo è usato come lingua letteraria e culturale, degli affari e degli atti governativi. Nel paese si parlano inoltre l’uzbeko, il turcomanno e il kirghizo. La quasi totalità della popolazione è musulmana, in grande maggioranza sunnita (75% circa) e, in misura minore, sciita (24% circa); esigue minoranze sono costituite da ebrei, indù e parsi.

    Le drammatiche condizioni interne del paese hanno determinato un altissimo tasso di analfabetismo. Formalmente l’istruzione è gratuita e obbligatoria dai 7 ai 15 anni di età, ma di fatto è preclusa alla gran parte della popolazione. Solo il 36,3% della popolazione adulta sa leggere e scrivere (2000). Nel 1996, anno dell’insediamento del regime dei taliban, l’istruzione fu vietata alle donne.

    Tra i principali istituti universitari si ricordano l’Università di Kabul (fondata nel 1932 e chiusa dal 1992), il Politecnico (1951) e l’Università degli studi islamici (1988), sempre a Kabul, dove hanno inoltre sede le maggiori biblioteche del paese e il Museo nazionale che conservava, prima di venire saccheggiato e distrutto nel corso della guerra civile, antiche reliquie buddhiste. Numerosi monumenti artistici, istituti scolastici e culturali del paese sono stati distrutti o notevolmente danneggiati nel corso dei diversi conflitti.

    Dal punto di vista amministrativo, l’Afghanistan è diviso in 34 province: Badakhshan, Badghis, Baghlan, Balkh, Bamiyan, Daykondi, Farah, Fariab, Ghazni, Ghor, Helmand, Herat, Jozjan, Kabul, Kandahar, Kapisa, Khowst, Konar, Kunduz, Laghman, Logar, Nangarhar, Nimroz, Nuristan, Paktia, Paktika, Panjshir, Parwan, Samangan, Sar-e Pol, Takhar, Uruzgan, Wardak, Zabul.

    Kabul, la capitale, è posta all’incrocio tra le principali vie di comunicazione che attraversano i passi montani; le altre maggiori città sono Kandahar, importante centro commerciale, Herat, conosciuta per le antiche moschee, i palazzi e altre testimonianze di grande valore architettonico, e Mazar-e Sharif, meta di pellegrinaggio dei religiosi.

    Tra i paesi più poveri del mondo, l’Afghanistan ha subito gravissimi danni nel corso dei vari conflitti che si sono susseguiti a partire dall’invasione sovietica del 1979. Precedentemente l’economia del paese era basata sull’agricoltura e sull’allevamento, ma una certa industrializzazione fu avviata negli anni Sessanta e un ulteriore sviluppo del settore industriale fu favorito dal regime filosovietico nella seconda metà degli anni Ottanta. Alla fine del decennio, l’evacuazione delle truppe sovietiche determinò la cessazione degli aiuti economici da parte di Mosca, da cui il paese era quasi completamente dipendente. Fra le attività artigianali rivestivano un importante ruolo la fabbricazione dei tappeti e l’oreficeria.

    Secondo le stime più recenti e attendibili, il prodotto interno lordo ammontava negli ultimi anni a circa 20.000 milioni di dollari USA, corrispondenti a un reddito annuo pro capite di circa 700-800 dollari. Circa il 70% della popolazione è impegnata nell’allevamento e nell’agricoltura, praticata con strumenti arretrati e in difficili condizioni. La quota di popolazione priva di occupazione è elevatissima.

     

    L’agricoltura, il settore più rilevante dell’economia del paese, a causa del lungo conflitto non è più in grado di soddisfare il fabbisogno interno. Le colture più diffuse sono frumento, granturco, riso, orzo, ortaggi, frutta e nocciole, a cui si aggiungono semi di ricino, robbia (usata per le tinture di colore rosso), assafetida (una resina medicinale), tabacco, cotone e barbabietola da zucchero, destinati all’industria. L’Afghanistan è inoltre ritenuto tra i maggiori produttori mondiali di oppio, che negli ultimi anni ha costituito la principale voce delle esportazioni. L’allevamento degli ovini, un tempo florido, è oggi in declino; di grande pregio, in particolare, è la pelle della pecora karakul, in passato molto diffusa. Altri capi d’allevamento sono cammelli, cavalli, asini, bovini, caprini e pollame. Il settore primario, nel suo complesso, ha subito gravi danni nel corso dei recenti conflitti, che hanno sottratto all’agricoltura quasi un terzo del già scarso terreno coltivabile del paese.

    Le notevoli riserve minerarie del paese comprendono oro, argento, rame, berillo e lapislazzuli, oltre a zolfo, ferro, cromo, zinco e uranio; i depositi sono tuttavia poco sfruttati, anche per la mancanza di specifiche competenze tecniche e di macchinari. Il paese produce anche sale, carbone e gas naturale i cui depositi, situati nella regione nordorientale, furono sfruttati soprattutto dal regime filosovietico. Il 69,6% dell’elettricità è prodotto negli stabilimenti idroelettrici posti lungo i fiumi Helmand e Kabul, mentre il rimanente deriva da impianti alimentati a carbone o a petrolio.

    Tra gli anni Sessanta e Settanta l’industria manifatturiera conobbe un periodo di notevole sviluppo: il settore tessile, in particolare, raddoppiò la produzione di tessuti e filati di lana e cotone. Sono presenti inoltre zuccherifici, cementifici, fabbriche di laterizi e scarpe, ubicati soprattutto nel distretto di Kabul ma oggi in gran parte distrutti o dismessi; rilevante fu in passato l’esportazione dei tappeti, il prodotto principale dell’artigianato locale.

    Nel 1991, quando il maggior partner commerciale era rappresentato dall’URSS, le esportazioni furono pari a circa 235 milioni di dollari e le importazioni a 884 milioni. Oltre all’URSS, altri importanti partner commerciali erano la Gran Bretagna, la Germania e l’India. Negli ultimi anni il paese è stato più volte colpito da sanzioni economiche e ha conservato relazioni commerciali, oltre che diplomatiche, solo con alcuni paesi islamici, tra cui il Pakistan e l’Arabia Saudita; oggi le principali voci del commercio afghano riguardano le armi e l’oppio. L’unità monetaria corrente è il nuovo afghani, suddiviso in 100 puls; l’istituto centrale di emissione è la Banca centrale dell’Afghanistan.

    I collegamenti interni sono estremamente limitati a causa delle condizioni impervie del territorio: il paese non è infatti dotato di una rete ferroviaria e i corsi dei fiumi sono solo in piccola parte navigabili e principalmente utilizzati per il trasporto del legname. La rete stradale, il cui tratto principale collega Kabul alle città più importanti, si estende per circa 34.789 km, asfaltati solo per il 24% e a tratti gravemente danneggiati a causa delle violente piogge primaverili e dei recenti combattimenti. Dromedari e altri animali da soma sono ampiamente utilizzati per il trasporto delle persone e delle merci. La Ariana Afghan Airlines, la compagnia aerea nazionale, ha rispreso le attività nel gennaio 2002 con voli nazionali e internazionali.

    Monarchia fino al 1973 quando, detronizzato il re, fu instaurato un assetto istituzionale di tipo repubblicano, dal 1978 il paese fu sottoposto a un regime filosovietico e occupato da truppe sovietiche. Alla lunga guerra di liberazione seguì dal 1992 una cruenta guerra civile tra le varie fazioni vincitrici. Nel 1996 il paese cadde sotto il dominio del movimento integralista dei taliban, che impose la shariah (vedi Islam: La Shariah e i riti) come legge fondamentale dello stato e proclamò l’emirato islamico.

    Nel giugno 2002, dopo la sconfitta dei taliban per opera di una forza multinazionale guidata dagli Stati Uniti, è stato avviato un processo di transizione con l’insediamento di un governo provvisorio guidato da Hamid Karzai, il quale nelle elezioni del novembre del 2004 è stato eletto alla presidenza del paese.

    Secondo la nuova Costituzione, promulgata nel gennaio 2004, il paese si basa su un sistema parlamentare, nel quale forti poteri sono attribuiti al presidente. Nel settembre 2005 il paese si è recato alle urne per eleggere i 250 membri della Camera dei Rappresentanti; il Senato, in cui siedono dignitari eletti dalle amministrazioni locali e dal presidente, non ha un numero di seggi definito. Il sistema giudiziario è basato sulla shariah; al suo vertice è una Corte Suprema, i cui nove membri sono nominati dal presidente previa approvazione della Camera dei rappresentanti. È in vigore la pena di morte. La situazione del paese è tuttora instabile. Il controllo della capitale Kabul è affidato alle forze della NATO (ISAF, International Security Assistance Force).

     

    Le prime testimonianze storiche relative al territorio dell’attuale Afghanistan risalgono al VI secolo a.C., quando il paese divenne parte dell’impero persiano degli Achemenidi. Come tutto il resto dell’impero, la regione fu sottomessa intorno al 330 a.C. da Alessandro Magno, per passare, dopo la sua morte (323 a.C.), sotto la dominazione di Seleuco I Nicatore e, successivamente, del re indiano Chandragupta. In seguito, un’altra dinastia greca si stabilì nella Battriana (Afghanistan del nord), fondando uno stato che visse dal 256 al 130 a.C., quando venne sottomesso dai nomadi iraniani saka e più tardi dai kushana, che diffusero nella regione il buddhismo. Nel III e IV secolo d.C. i persiani sasanidi invasero il paese da ovest. Gli unni euftaliti, infine, controllavano gran parte del territorio dell’Afghanistan quando gli arabi, intorno alla metà del VII secolo, conquistarono la regione diffondendovi l’Islam, che divenne, nel corso dei secoli, la religione più diffusa.

    I turchi compirono la completa sottomissione del territorio tra il X e l’XI secolo per opera del sultano Mahmud di Ghazni. La cultura islamica ebbe il momento di massimo splendore sotto la dinastia afghano-iraniana dei Ghoridi (1148-1215) che gradualmente estesero il loro dominio nel nord dell’India, venendo infine sconfitti dalle orde del conquistatore mongolo Gengis Khan che giunse dal nord intorno al 1220. La maggior parte del paese rimase quindi sotto il dominio mongolo fino alla fine del XIV secolo quando un altro invasore, Tamerlano, conquistò il nord dell’Afghanistan. Tra i più importanti successori di Tamerlano vi fu Babur, fondatore nel Cinquecento della dinastia indiana dei Moghul. Sempre nel XVI secolo i Safavidi iraniani e gli uzbeki del nord irruppero nella regione, dove però iniziò anche l’espansione degli afghani, che in seguito avrebbero dato il nome al paese.

    Nel 1722 una tribù afghana si impadronì della città persiana di Esfahan. Nel 1738 la città fu riconquistata dal governatore turco Nadir Shah, che ristabilì anche il controllo persiano su gran parte del territorio afghano. Alla morte di Nadir Shah, i capi degli afghani elessero alla carica di re Ahmad, capo della tribù degli abdali, che assumendo l’epiteto di Durr-i Durran (“perla delle perle”) fondò la dinastia dei Durrani. Ahmad Shah, considerato il padre dell’Afghanistan, estese quindi il suo dominio, impadronendosi per breve tempo anche del Belucistan, del Kashmir, della parte orientale dell’Iran e di una parte del Punjab. La dinastia dei Durrani, che trasferì la capitale del regno a Kabul, si estinse nel 1818. Nel 1826, Dost Muhammad, membro di una potente tribù afghana, impose il suo dominio sulla parte orientale del regno e nel 1835 si proclamò emiro.

    La Gran Bretagna, interessata a impedire la caduta della regione, per la sua posizione strategica, sotto l’influenza di una potenza rivale, stipulò nel 1809 un trattato con l’Afghanistan. Il rifiuto dei britannici di sostenere le rivendicazioni afghane sul Punjab causò in seguito un deterioramento delle relazioni anglo-afghane e Dost Muhammad si rivolse alla Russia per controbilanciare la potenza britannica. Temendo la vicinanza della Russia alla frontiera indiana, nel 1838 la Gran Bretagna invase l’Afghanistan scatenando la prima guerra afghana (1838-1842). Le truppe britanniche incontrarono una scarsa resistenza e nel 1839 occuparono Kandahar e Kabul, ma nel 1841 una rivolta guidata dal figlio di Dost Muhammad reinsediò questi sul trono, costringendo i britannici ad abbandonare il paese. Solo nel 1855 Dost Muhammad concluse un accordo di pace con la Gran Bretagna

    Nato come “stato cuscinetto” nell’ambito delle lotte tra gli imperi britannico e russo per il dominio dell’Asia centromeridionale, l’Afghanistan non era – né sarebbe in seguito diventato – uno stato nazionale nel senso proprio del termine, ma piuttosto una federazione di tribù e di etnie spesso in contrasto tra loro.

    Dopo la morte di Dost Muhammad (1863) le lotte tra i suoi successori e tra i clan si intensificarono, aprendo un periodo di caos che durò più di un decennio. L’ascesa al potere di Shir Ali Khan, terzo figlio di Dost Muhammad, rianimò l’ostilità dei britannici, che nel 1878 invasero nuovamente l’Afghanistan; nel corso del conflitto che ne derivò, gli afghani subirono una serie di pesanti sconfitte militari e nel 1879 il sovrano afghano accettò il protettorato inglese e cedette il controllo del passo Khyber. Nel 1880 salì sul trono afghano Abd al-Rahman, nipote di Dost Muhammad.

     

    Durante il suo regno, Abd al-Rahman ristabilì rapporti di buon vicinato con la Gran Bretagna, ratificando il trattato firmato dal suo predecessore nel 1879, e con la Russia. Abd al-Rahman si adoperò anche per attenuare i contrasti tra i clan, creò un esercito professionale e avviò la modernizzazione del paese. Nel 1901 gli successe Habib Hullah, che proseguì il suo operato, badando a conservare la neutralità del paese nel conflitto che opponeva la Russia all’impero britannico. Nel 1907 l’Afghanistan venne riconosciuto a livello internazionale e la sua integrità territoriale sancita da una convenzione stipulata tra russi e britannici. Nel 1919 la situazione del paese precipitò improvvisamente a causa di una violenta lotta per il potere sviluppatasi in seno alla famiglia reale, che condusse all’assassinio di Habib Ullah. La successiva lotta tra i due fratelli del sovrano vide prevalere Aman Allah che, deciso a sottrarsi all’influenza inglese, dichiarò guerra alla Gran Bretagna. Lo scontro durò quattro mesi e vide prevalere le forze britanniche; tuttavia, il contestuale sviluppo della lotta indipendentista nel subcontinente indiano indusse la Gran Bretagna a firmare il trattato di Rawalpindi, con il quale Londra riconobbe l’indipendenza dell’Afghanistan

    Aman Allah fu il primo capo di stato a riconoscere lo stato sovietico nato dalla Rivoluzione d’ottobre. Suggestionato dalle riforme avviate in quegli anni in Iran e in Turchia, lanciò una campagna di modernizzazione che tuttavia incontrò l’ostilità dei conservatori e di molti clan; nel 1929 fu quindi costretto ad abdicare, lasciando il paese in preda a una violenta rivolta, alla quale seguirono quattro anni di disordini. Nel frattempo, sul trono afghano si susseguirono tre sovrani, l’ultimo dei quali, Zahir Shah, nel 1933 riuscì a prevalere sui ribelli. Il nuovo re riprese il programma di modernizzazione, tuttavia stemperandolo, e istituì stretti rapporti commerciali con la Germania, l’Italia e il Giappone. Allo scoppio della seconda guerra mondiale Zahir Shah proclamò la neutralità del paese; nel 1941, su richiesta della Gran Bretagna e dell’Unione Sovietica, espulse però da Kabul più di 200 tedeschi e italiani. Gli Stati Uniti stabilirono relazioni con l’Afghanistan nel 1942. Nel novembre 1946 l’Afghanistan divenne membro delle Nazioni Unite.

    La nascita del Pakistan nel 1947 ripropose la questione dei confini dell’Afghanistan. Il nuovo stato inglobò infatti una regione abitata prevalentemente da pakhtun, popolazione affine ai pashtun afghani, dai quali erano stati separati dalle artificiose frontiere tracciate in epoca coloniale. Il Pakistan ignorò la richiesta avanzata dall’Afghanistan di chiamare a decidere la popolazione della regione e, per risposta, l’Afghanistan votò contro l’ammissione del Pakistan alle Nazioni Unite. Le relazioni tra i due paesi si inasprirono negli anni successivi con il verificarsi di sporadici scontri lungo i confini, specie dopo il 1949 quando l’Afghanistan sostenne la creazione di un nuovo stato, il Pashtunistan (o Pakhtunistan), che non avrebbe però mai visto la luce.

    Negli anni Cinquanta l’Afghanistan perseguì una politica di equidistanza tra Stati Uniti e Unione Sovietica, usufruendo del sostegno economico di entrambi i paesi. Muhammad Daud, un acceso nazionalista, cugino di Zahir Shah e primo ministro dal 1953, continuò tuttavia ad agitare la questione del Pashtunistan, provocando un peggioramento dei rapporti con il Pakistan, che sfociò nella chiusura delle frontiere tra i due paesi e in una grave crisi dell’economia afghana. Nel 1963 Zahir Shah rimosse Daud, assumendo il pieno controllo del governo. Nel 1964, superando le resistenze degli altri membri della famiglia reale e dei capi clan, promulgò una nuova Costituzione e legalizzò i partiti politici, tra i quali fece la sua comparsa un forte partito comunista, il Partito democratico del popolo afghano (PDPA), diviso in due tendenze, il Khalq (“Popolo”) e il Parcham (“Stendardo”), guidato da Babrak Karmal, figlio di un generale imparentato con la famiglia reale.

    Le riforme di Zahir incisero ben poco sulla vita politica afghana, che continuò a essere dominata dai clan. Questi reagirono ancora una volta con ostilità alla modernizzazione d’ispirazione occidentale del sovrano. Al malcontento dei clan, alla fine degli anni Sessanta si aggiunse una tragica carestia, che si abbatté sulla già provata popolazione del paese causando centinaia di migliaia di vittime.

    È in questo quadro che Daud, con il sostegno dell’esercito, nel 1973 si impadronì del potere, abbattendo la monarchia e proclamando la repubblica. Fautore di una politica di non allineamento, Daud accentrò molti poteri nelle sue mani (dopo la presidenza, anche la carica di primo ministro e alcuni importanti ministeri, tra cui quello della Difesa), deludendo le aspettative di quanti lo avevano sostenuto. Nel 1978 cadde vittima di un colpo di stato effettuato da militari filosovietici e da membri del PDPA; sospesa la Costituzione, un Consiglio rivoluzionario capeggiato da Nur Muhammad Taraki e Babrak Karmal avviò una radicale riforma agraria, che incontrò presto l’ostilità dei proprietari terrieri e dell’élite musulmana. Inoltre, la politica di laicizzazione dello stato suscitò il malcontento della gran parte della popolazione, fortemente legata alla tradizione religiosa e tribale. Malgrado il sostegno militare sovietico, nel paese si sviluppò una forte resistenza che crebbe di intensità in seguito all’intervento diretto dell’esercito sovietico (1979).

     

    Negli anni Cinquanta l’Afghanistan perseguì una politica di equidistanza tra Stati Uniti e Unione Sovietica, usufruendo del sostegno economico di entrambi i paesi. Muhammad Daud, un acceso nazionalista, cugino di Zahir Shah e primo ministro dal 1953, continuò tuttavia ad agitare la questione del Pashtunistan, provocando un peggioramento dei rapporti con il Pakistan, che sfociò nella chiusura delle frontiere tra i due paesi e in una grave crisi dell’economia afghana. Nel 1963 Zahir Shah rimosse Daud, assumendo il pieno controllo del governo. Nel 1964, superando le resistenze degli altri membri della famiglia reale e dei capi clan, promulgò una nuova Costituzione e legalizzò i partiti politici, tra i quali fece la sua comparsa un forte partito comunista, il Partito democratico del popolo afghano (PDPA), diviso in due tendenze, il Khalq (“Popolo”) e il Parcham (“Stendardo”), guidato da Babrak Karmal, figlio di un generale imparentato con la famiglia reale.

    Le riforme di Zahir incisero ben poco sulla vita politica afghana, che continuò a essere dominata dai clan. Questi reagirono ancora una volta con ostilità alla modernizzazione d’ispirazione occidentale del sovrano. Al malcontento dei clan, alla fine degli anni Sessanta si aggiunse una tragica carestia, che si abbatté sulla già provata popolazione del paese causando centinaia di migliaia di vittime.

    È in questo quadro che Daud, con il sostegno dell’esercito, nel 1973 si impadronì del potere, abbattendo la monarchia e proclamando la repubblica. Fautore di una politica di non allineamento, Daud accentrò molti poteri nelle sue mani (dopo la presidenza, anche la carica di primo ministro e alcuni importanti ministeri, tra cui quello della Difesa), deludendo le aspettative di quanti lo avevano sostenuto. Nel 1978 cadde vittima di un colpo di stato effettuato da militari filosovietici e da membri del PDPA; sospesa la Costituzione, un Consiglio rivoluzionario capeggiato da Nur Muhammad Taraki e Babrak Karmal avviò una radicale riforma agraria, che incontrò presto l’ostilità dei proprietari terrieri e dell’élite musulmana. Inoltre, la politica di laicizzazione dello stato suscitò il malcontento della gran parte della popolazione, fortemente legata alla tradizione religiosa e tribale. Malgrado il sostegno militare sovietico, nel paese si sviluppò una forte resistenza che crebbe di intensità in seguito all’intervento diretto dell’esercito sovietico (1979).

     

    Nel 1979, dopo violentissimi scontri all’interno della leadership afghana, alla presidenza del paese venne insediato Karmal, mentre nel PDPA la fazione Khalq eliminava quella più moderata del Parcham. Dopo l’intervento sovietico, l’opposizione armata si trasformò in una guerra santa, il jihad, contro l’invasore straniero e infedele; la resistenza, organizzata su base tribale e condotta da potenti “signori della guerra”, si diffuse in tutto il territorio. Verso la metà degli anni Ottanta le forze governative e le truppe sovietiche (composte da circa 200.000 soldati) controllavano le grandi città e le maggiori vie di comunicazione, ma le campagne e le montagne erano in mano ai mujaheddin, affiancati dai cosiddetti “arabi-afghani” (i membri delle milizie internazionali islamiche sostenute dal Pakistan, dall’Arabia Saudita e dagli Stati Uniti; vedi Fondamentalismo islamico). Per sfuggire alle violenze, centinaia di migliaia di persone si rifugiarono in Iran e in Pakistan, dove i campi profughi diventarono il retroterra della guerriglia afghana.

    Nel 1986 Karmal venne sostituito da Muhammad Najibullah, membro del Khalq, il servizio segreto, e capo della polizia; nello stesso anno il massiccio sostegno militare degli Stati Uniti e del Pakistan ai mujaheddin trasformò profondamente il conflitto, che da guerriglia diventò guerra vera e propria, con due fronti contrapposti dotati entrambi di armi pesanti, di blindati, di artiglieria. Nel 1987 le altissime perdite subite dall’Armata Rossa indussero il nuovo leader sovietico Michail Gorbaciov a ritirare le truppe: iniziato nel maggio 1988, il ritiro fu completato nel febbraio del 1989. A causa delle divisioni all’interno della resistenza, il governo di Najibullah, privo ormai del sostegno di Mosca, resistette altri tre anni; nell’aprile 1992 i mujaheddin occuparono Kabul, abbattendo ciò che restava del regime filosovietico.

    La resistenza afghana era divisa, essenzialmente su basi etniche, in quattro componenti principali: Jamiat-i Islami, islamica moderata, composta da tagiki e guidata da Ahmed Shah Massud e da Burhanuddin Rabbani; Hezb-i Wahdat, sciita, guidata dallo sceicco Alì Mazari e sostenuta dall’Iran; Hezb-i Islami, islamica radicale (vedi Fondamentalismo islamico), appoggiata dal Pakistan, composta essenzialmente da pashtun e guidata da Gulbuddin Hekmatyar; infine, gli uzbeki del generale Rashid Dostum.

    In breve tempo i contrasti etnici e politici in seno alla resistenza esplosero violentemente, soprattutto tra gli islamici moderati di Rabbani, che aveva assunto la presidenza del paese ed era sostenuto da Dostum, e l’Hezb-i Islami di Hekmatyar, che sottopose Kabul a un intenso bombardamento durato quasi due anni. Nel 1994 le alleanze si rovesciarono, ma l’offensiva lanciata da Hekmatyar e Dostum contro Rabbani

     

    Nel 1995 le fazioni in lotta raggiunsero un accordo per la sostituzione di Rabbani con un Consiglio di rappresentanti delle diverse province del paese. Nello stesso anno ebbe inizio l’offensiva dei taliban. Originari della regione di Kandahar e in gran parte di etnia pashtun, i taliban si erano formati nelle madrasa (le scuole coraniche) pakistane ed erano stati addestrati nei campi gestiti dai servizi segreti pakistani e da Al Qaeda, l’organizzazione fondamentalista islamica diOsama Bin Laden. A Kandahar risiedeva la loro guida spirituale e politica, il mullah Mohammed Omar Akhund. Ereditato il sostegno del Pakistan, dell’Arabia Saudita e degli Stati Uniti, i taliban conquistarono in breve tempo Kandahar, poi Herat e gran parte dell’Afghanistan meridionale; nell’estate del 1996 conquistarono Jalalabad e poi, in settembre, Kabul.

    Nonostante il cambiamento di fronte di molti capitribù, i taliban non riuscirono a stabilire il controllo su tutto il paese. Nel 1998 ingaggiarono un violento conflitto nelle regioni occidentali con gli sciiti azeri del partito filoiraniano Hezb-i Wahdat, coinvolgendo anche l’Iran, il cui esercito rimase per mesi schierato lungo il confine. Nel nord una consistente porzione di territorio rimase sotto il controllo delle milizie di Massud, che più volte giunsero a minacciare da vicino la stessa Kabul; ai confini del Tagikistan, nella regione del Badakhshan, si arroccarono invece le milizie tagike di Rabbani.

     

    Insorti per porre fine alla guerra civile e agli abusi dei mujaheddin, i taliban instaurarono un regime violento e dispotico, basato su un’interpretazione oscurantista della shariah, la legge islamica. L’oscurantismo dei taliban colpì in particolare le donne, che furono sottoposte a una serie di divieti: venne loro proibito di lavorare, di frequentare qualsiasi tipo di scuola, di vestirsi all’occidentale (furono anzi costrette a indossare il burqa, un pesante mantello che copre completamente la figura, con una piccola apertura davanti agli occhi), persino di uscire di casa se non accompagnate da un membro maschio della famiglia; agli uomini invece fu fatto assoluto divieto di radersi la barba. Il regime dei taliban venne formalmente riconosciuto da tre soli paesi: il Pakistan e l’Arabia Saudita, che ne avevano fortemente sostenuto l’ascesa, e gli Emirati Arabi Uniti.

    La durezza delle condizioni imposte alla popolazione, i ripetuti incidenti con le organizzazioni non governative, la violazione dei diritti civili e politici provocarono in più di un’occasione proteste internazionali contro il regime dei taliban.

     

    Nel 1999, allo scopo di migliorare le relazioni con i governi vicini, l’Afghanistan accolse alcune missioni diplomatiche, tra cui quella iraniana, di rilevante importanza a causa delle gravi tensioni manifestatesi nel 1998 tra i due paesi.

    Tra la primavera e l’estate fallirono i tentativi di dialogo tra il regime e l’Alleanza del Nord (una coalizione di gruppi guerriglieri capeggiata da Massud e Rabbani) e riprese l’offensiva dei taliban contro le roccheforti dell’opposizione. In risposta al rifiuto di consegnare Osama Bin Laden, ritenuto responsabile di alcuni gravi attentati e in particolare di quelli che nell’agosto 1998 avevano distrutto le ambasciate statunitensi in Kenya e in Tanzania, alla fine dell’anno l’Afghanistan fu sottoposto a sanzioni economiche da parte dell’ONU. A fornire sostegno ai taliban rimase soltanto il Pakistan; la stessa Arabia Saudita raffreddò infatti le sue relazioni con il regime afghano. Dopo vent’anni di guerra ininterrotta, l’economia afghana era devastata: non esisteva praticamente alcuna industria e l’agricoltura era difficilmente praticabile a causa della diffusione sul territorio di bombe e mine inesplose.

     

    Alla fine del 2000 il Consiglio di sicurezza dell’ONU impose nuove sanzioni all’Afghanistan. La risposta dei taliban ai nuovi provvedimenti fu immediata. Nel gennaio successivo Mohammed Omar Akhund, il capo del movimento fondamentalista, ordinò la distruzione del patrimonio artistico del paese non legato alla tradizione e alla cultura islamiche; in breve tempo vennero distrutte migliaia di statue di divinità buddhiste, eredità e testimonianza di una lunga presenza di questa fede nel territorio afghano. Nonostante gli appelli provenienti dalla gran parte dei paesi, da importanti autorità politiche e religiose del mondo islamico e dalla diplomazia delle Nazioni Unite e dell’UNESCO, nel marzo 2001 i taliban distrussero anche due famose statue giganti del Buddha, alte rispettivamente 38 e 53 metri, scavate nella roccia nella valle di Bamian (o Bamiyan), a ovest di Kabul, nel IX secolo d.C.

    Agli inizi di settembre del 2001 la resistenza armata al regime dei taliban subì un durissimo colpo; Ahmed Shah Massud, il leader dell’Alleanza del Nord, morì infatti in seguito alle ferite riportate in un attentato eseguito da membri di Al Qaeda.

    L’attentato a Massud precedette di poche ore l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 contro le due torri del World Trade Center di New York e il Pentagono, sede del ministero della Difesa, causando la morte di migliaia di persone (vedi Stati Uniti d’America: 11 settembre 2001). Gli Stati Uniti attribuirono il gravissimo attacco terroristico a Bin Laden e, minacciando una severa rappresaglia, ne chiesero la consegna ai taliban, ottenendone un rifiuto. Sempre più isolato dalla comunità internazionale, il regime afghano perse anche il prezioso sostegno pakistano, il quale, pressato dalla diplomazia occidentale, dopo aver effettuato vari tentativi di mediazione con il regime dei taliban, si schierò con gli Stati Uniti.

     

    Agli inizi di ottobre 2001, gli Stati Uniti, sostenuti dagli alleati della NATO e dalla Russia, lanciarono l’offensiva contro l’Afghanistan. A partire dal 7 ottobre tutte le principali città del paese vennero sottoposte a un intenso bombardamento rivolto ad annientare le capacità di difesa dei taliban, mentre l’Alleanza del Nord si preparava a sferrare l’attacco di terra per conquistare Kabul.

    In pochi giorni, colpito dagli aerei della coalizione, il fronte dei taliban si sgretolò, consentendo ai mujaheddin dell’Alleanza del Nord di conquistare una a una le regioni settentrionali e occidentali e avanzare verso Kabul.

    Incalzato dai bombardamenti aerei, agli inizi di novembre Osama Bin Laden rivolse al mondo musulmano un appello al jihad contro gli invasori dell’Afghanistan. Le sorti del conflitto erano tuttavia segnate. Dopo un assedio durato due settimane, il 9 novembre l’importante città di Mazar-e Sharif cadde nelle mani dei mujaheddin di Rashid Dostum. Conquistata Jalalabad, il 13 novembre l’Alleanza del Nord entrò a Kabul, mentre le residue forze dei taliban si concentrarono a Kandahar, la roccaforte del mullah Mohammed Omar.

    Agli inizi di dicembre, abbandonata anche Kandahar, i taliban cercarono rifugio nella regione montuosa di Tora Bora, dove vennero sottoposti a un intenso bombardamento. L’11 dicembre i taliban proclamarono la resa. Nonostante l’eccezionale dispiegamento di forze, Osama Bin Laden e il capo dei taliban Mohammed Omar riuscirono tuttavia a far perdere le proprie tracce.

     

    Dopo la presa di Kabul si intensificarono gli sforzi della diplomazia internazionale che, temendo la rottura del precario equilibrio politico tra le forze dell’Alleanza del Nord e la spartizione del territorio afghano tra i “signori della guerra”, chiese la costituzione di un governo di unità nazionale.

    Sotto l’egida delle Nazioni Unite, il 23 novembre 2001 iniziò a Petersberg, vicino a Bonn, l’incontro dei rappresentanti dei quattro principali gruppi etnici e politici afghani. Il 5 dicembre venne raggiunto un accordo che prevedeva la costituzione di un governo provvisorio della durata di sei mesi, alla cui guida fu nominato Hamid Karzai, uno dei leader dell’etnia pashtun; l’accordo prevedeva inoltre il dispiegamento delle forze di pace dell’ONU a Kabul e la convocazione della Loya Jirga, l’assemblea generale dei capi delle tribù, con il compito di formare il nuovo governo.

    Il 22 dicembre si insediò a Kabul il governo di Karzai, composto, in rappresentanza di tutte le etnie del paese, da trenta membri, di cui undici pashtun, otto tagiki, cinque azeri, tre uzbeki e tre di altre minoranze. Alla fine del mese giunsero a Kabul i primi contingenti della Forza internazionale di sicurezza (ISAF, International Security Assistance Force).

    Per molti mesi la situazione del paese rimase instabile e continuarono a susseguirsi scontri tra milizie opposte e attentati ai danni delle nuove autorità e delle forze alleate. Nell’aprile 2002, dopo 29 anni di esilio in Italia, fece rientro in Afghanistan l’ex re Zahir Shah, che si dichiarò disposto ad assumere la carica di capo dello stato. In maggio il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite estese di altri sei mesi il mandato della Forza internazionale di sicurezza.

     

    Nel giugno 2002, la Loya Jirga, l’assemblea generale dei capi delle tribù, elesse Karzai alla guida di un governo di transizione, affidandogli l’incarico di organizzare le elezioni entro due anni. La composizione del nuovo governo rifletté i rapporti di forza dello scacchiere politico-militare afghano: i tagiki dell’Alleanza del Nord ottennero i ministeri chiave della Difesa e degli Affari Esteri, mentre all’etnia pashtun, compromessa con il passato regime dei taliban, fu riconosciuto un ruolo pressoché marginale.

    Grazie al dispiegamento delle forze dell’ISAF, Karzai riuscì a stabilire un precario controllo sulla capitale Kabul, mentre nelle altre regioni del paese andarono consolidandosi i tradizionali poteri etnici e tribali dei “signori della guerra”: nel nordest e nella stessa Kabul il tagiko Muhammad Fahim, successore di Massud; nel nordovest l’uzbeko Rashid Dostum; a Herat il tagiko Ismail Khan; nell’ovest l’hazara sciita Karim Khalili, diventato leader dell’Hezb-i Wahdat dopo la morte di Alì Mazari. Più frammentaria si presentava la situazione nelle aree pashtun, in parte ancora controllate dai taliban, in parte da Gulbuddin Hekmatyar e da altri gruppi armati in lotta tra loro. La corsa al controllo dei dazi, degli aiuti internazionali e dei proventi del traffico di oppio alimentò lo scontro tra le varie milizie e all’interno dello stesso governo. L’assassinio, nel luglio del 2002, di Hadji Abdul Qadir, uno dei cinque vicepresidenti, e il fallito attentato a Karzai nel settembre seguente confermarono la fragilità dell’alleanza di governo e la precarietà degli equilibri costituiti all’indomani della caduta del regime dei taliban.

    Oltre alle profonde divisioni etniche e tribali, a frenare la ricostruzione delle infrastrutture politiche ed economiche del paese fu anche la scarsità di aiuti finanziari che il paese ricevette: la conferenza dei paesi donatori, riunita nel 2002 a Tokyo, concesse all’Afghanistan un ammontare di contributi pari a 4,5 miliardi di dollari per cinque anni, a fronte di una richiesta di 20-25 miliardi di dollari. L’attenzione verso l’Afghanistan diminuì ulteriormente alla fine del 2002, quando le diplomazie internazionali vennero totalmente assorbite dallo scoppio della crisi irachena.

    Pochi furono così i successi che il governo Karzai poté vantare; tra questi, i più importanti furono una riforma monetaria, con l’introduzione del nuovo afghani, e soprattutto l’avvio di una contrastata riforma scolastica che riaprì l’accesso delle donne all’istruzione. Sul versante economico, l’agricoltura mostrò segni di ripresa, pur restando del tutto insufficiente a coprire il fabbisogno alimentare del paese; nelle campagne riprese inoltre su larga scala la coltivazione del papavero da oppio, riportando l’Afghanistan tra i principali protagonisti del traffico internazionale di stupefacenti.

    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 
    21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 
    37 38 39 4041 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 
    53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68
     69 70 71 72 73 74 75 7677 78 79 80 81 82 83 84
     85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 
    101 102 103 104 105 106 107 108109 110 111 112 113 114 115
     116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127
     128 129 130 131 132 133 134135 136 137 138 139 140 141 
    142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155
     156 157 158 159 160161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 
    171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185
     186187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201
     202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212213 214 215 216 217 
    218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 
     
 

Oggi ci sono stati già 6 visiteurs (41 hits) qui!


Questo sito web è stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente